Lug 122009
 

Viene da pensare che un libro che raccoglie scritti su Malaparte, Fenoglio, Handke e Majakovskij (solo per citare alcuni nomi) debba per forza essere pesante e impegnativo. Il volumetto Scrittori di fronte al male: riflessioni su letteratura e politica (Scheiwiller 2009) ci sorprende invece per la levità e il garbo con cui affronta argomenti a volte scomodi – come ad esempio – il dibattito su Ignazio Silone spia della polizia fascista.

La cifra stilistica dell’autore, il critico americano Michael McDonald, è quella di unire ad una solida preparazione culturale una leggerezza che gli permette di affrontare – e demolire – stereotipi e leggende culturali. Gradevolissimo in particolare è il pezzo intitolato La fine dell’Arcadia che analizza il mito dell’Italia come fonte di ispirazione letteraria per i romanzieri americani: ”Sinclair Lewis, Truman Capote, Tennessee Williams, Gore Vidal venivano in Italia perché la vita costava poco, non per visitare musei. […] Solo in rare occasioni frequentavano italiani e non facevano certo grandi sforzi per avvicinarsi al modo di vivere italiano. Erano solo turisti in Italia.

Dispiace che la lettura sia resa meno piacevole da una traduzione che non scorre, poco curata e piena di anglicismi.

 Leave a Reply

 

Vai alla barra degli strumenti