Ago 112009
 

Il Presidente della Commissione Trasporti della Camera Mario Valducci – che nella vita è dottore commercialista  – ad una manifestazione svoltasi a Cortina ha dichiarato che ” I rifiuti estremamente pericolosi rappresentano solo il 2-3% degli interi rifiuti del nucleare. L’impatto ambientale del nucleare e’ pari a zero. Dobbiamo pensare, invece, che le nostre aziende pagano il doppio di energia rispetto alle imprese francesi e un terzo in piu’ di quelle tedesche “.

A parte il fatto che un commercialista che si occupa di treni, porti e metropolitane e che parla di nucleare è una curiosità non da poco, ma vorremmo ricordare a Valducci che la Germania, con una legge del 22 aprile del 2002, ha approvato la totale uscita dal nucleare entro il 2022. Ad aprile, nel rispetto del piano legislativo, sono state dismesse le due centrali nucleari più anziane della paese.

E  fuori dall’Europa?  L’India, ad esempio, ha sviluppato un piano, il National Solar Mission, che la renderà la prima potenza solare mondiale con 20mila MW da realizzare da qui al 2020 e con un investimento previsto di circa 20 miliardi di dollari. Il piano prevede  un incremento  di produzione solare fino a 100mila MW al 2030, e 200mila al 2050.

fonti: Aginews e India Environment Portal

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti