Macerie illuminate

 Posted by on 15 Marzo 2010  Add comments
Mar 152010
 

Abbiamo un presidente del consiglio, capo dell’esecutivo, che telefona ad un suo uomo posto all’interno di una Autorità terza e garante per impedire la messa in onda di trasmissioni a lui non gradite. Fatto unico nei paesi di forte e consolidata tradizione democratica e liberale dove, un fatto del genere, sarebbe assolutamente impensabile.

Questo non è più di un problema dai piccoli – e più o meno consistenti – risvolti penali. Questo è un attentato alla democrazia. L’ennesimo. E  se ciò avviene la correità è anche di  quei cittadini – in buonafede o meno è irrilevante – che hanno permesso con il loro consenso questa deriva pericolosamente peronista. E sposiamo le parole di Michele Serra (La Repubblica di ieri) quando afferma che tutti gli italiani sono responsabili del reato di omesso controllo:

«Ma quale sarebbe il reato?, chiedono in coro il premier e i suoi molteplici coristi. Questa volta hanno ragione. Non è per niente facile, in termini giuridici, definire l’operato del padrone di un Paese che fa telefonate da padrone, sistema i suoi uomini d´azienda nello Stato, nelle autorità di garanzia, negli organismi di controllo, nomina i dirigenti dell´’zienda concorrente, cerca di chiudere la bocca ai nemici e moltiplica potere e stipendi degli amici. Forse, a ripensarci bene, e a rileggere (per esempio) la storia di Giancarlo Innocenzi, che di mestiere fa l’arbitro per conto di noi tutti e nei fatti è un dipendente di Berlusconi (esattamente come se i guardialinee delle partite del Milan fossero nominati dalla società rossonera), forse, dicevo, il reato è di omesso controllo, ed è a carico di tutti gli italiani.

Scrutiamo il futuro con ansia, chiedendoci che cosa potrà succedere, e non ci rendiamo conto che tutto è già successo. Una democrazia che permette un accumulo di potere così spaventoso è una democrazia che ha già perduto, e da parecchi anni, il rispetto di se stessa. E quando le Procure puntano le loro torce, illuminano macerie»

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti