The flying fish

 Posted by on 14 maggio 2010  Add comments
Mag 142010
 

Qua sotto due passi tratti da una intervista rilasciata dal generale della Guardia di Finanza (adesso senatore   PdL) Roberto Speciale a Panorama il 28 dicembre 2007.

P: Dopo le inchieste aperte dalla procura militare e dalla Corte dei conti sui viaggi da lei compiuti con aerei ed elicotteri del corpo e sull’uso dei fondi riservati era normale che l’attuale comandante prendesse le distanze.
S: Se io ho una colpa, è quella di avere voluto presenziare, per il bene della Gdf, a tutte le cerimonie, nessuna esclusa, che riguardavano il corpo. È una colpa? Ma questi che mi accusano di uso personale si sono mai immaginati il film di una giornata da comandante generale, la mole di impegni giornalieri?

P: E non lo trova uno spreco di denaro impiegare mezzi da 6 mila euro l’ora?
S: Presenziare a quegli appuntamenti significa essere vicini al personale con il vertice che si sposta ovunque nel Paese. Non è dispendioso, ne valeva la pena. Tra l’altro la somma investita è contemplata dalle procedure di impiego dei mezzi aerei della Gdf.

Oggi apprendiamo che l’ex comandante generale della Guardia di Finanza è stato condannato in secondo grado a 18 mesi di reclusione (pena sospesa) per peculato in relazione al famoso carico di spigole ed altro pesce fatto portare il 26 agosto 2005 a Predazzo (Trento), dove il generale era in vacanza. In primo grado Speciale era stato assolto dal tribunale militare di Roma “per insussistenza del fatto addebitatogli”. Contro la sentenza di assoluzione aveva fatto ricorso la Procura della Repubblica.

immagine: Flying Fish by Mark Bannermann


 Leave a Reply

 

Vai alla barra degli strumenti