Feb 202011
 

Il Contemporary Art Museum di Casoria (Napoli) chiede l’asilo politico-culturale alla Repubblica Federale tedesca.  “Ignorato dalle istituzioni locali e nazionali – si legge in una nota – il museo della periferia di Napoli non riceve finanziamenti pubblici riuscendo solo grazie a pochi illuminati sponsor a portare avanti il progetto ambizioso di uno spazio culturalmente valido“. Dopo 5 anni vita, fra attività di ricerca e sperimentazione, spinto dagli “ultimi scandalosi eventi politici nazionali e (dal)la disattenzione del governo italiano verso i beni culturali“, il CAM si è rivolto alla cancelliera Angela Merkel, a capo di un governo “sensibile al bene pubblico“, con una richiesta di ‘adozione’ firmata dal direttore del museo. ?

I problemi sono iniziati con un’esposizione sull’Africa, in seguito all’assassinio dei sei ghanesi a Napoli. La camorra, che viene sospettata dei delitti, ha cercato di far annullare l’esposizione con minacce telefoniche. Ma il direttore Antonio Manfredi non si fatto intimorire e ha reagito organizzando un’esposizione sulla camorra stessa. La sua iniziativa non è stata gradita. “A un certo punto, ho trovato una bambola nera sul gradino dell’entrata. Allora capisci che la camorra ti dice di stare attento”. Manfredi ha denunciato il fatto alle autorità locali e persino al Presidente Giorgio Napolitano, il quale in una lettera lo ha invitato a farsi coraggio.

fonte: nrc.nl

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti