Un guinzaglio troppo corto

 Posted by on 6 Marzo 2011  Add comments
Mar 062011
 

A gennaio Amazon ha felicemente annunciato che le vendite di libri digitali avevano registrato un sorpasso su quelle dei tascabili cartacei. Buon per Amazon, verrebbe da dire. Ma nemmeno questo riesce a togliere dalla testa che il concetto di ebook si stia facendo strada dopo un parto incerto e condizioni fisiche non proprio ottimali. Ai libri digitali si rimprovera principalmente l’eccesso di “lucchetti”, ossia i DRM (Digital Rights Management, sistemi che gestiscono i diritti digitali regolamentandone l’uso), che renderebbero la vita complicata ai lettori.

Nati a protezione del diritto d’autore (e anche dell’editore, verrebbe voglia di aggiungere), la principale critica loro rivolta è quella di farlo a detrimento del lettore. Poiché i libri digitali esistono in vari formati (non tutti leggibili da un singolo ebook reader) e ogni formato ha un suo tipo di “lucchetti”, ne consegue l’impossibilità di acquistare determinati titoli magari presenti solo in un formato non letto dal proprio reader.* Un po’ come se all’acquisto di un volume il libraio ci dicesse: “Questo libro si può leggere solo il martedì e in un preciso luogo”. Un guinzaglio un po’ troppo corto per il prezzo imposto.

Ed è proprio il costo ritenuto eccessivo l’altro punto debole del libro digitale. All’ebook viene rinfacciato infatti un costo di pochissimo inferiore (se non per nulla) al cartaceo a fronte per l’appunto di una minor libertà di utilizzo. Non è dunque un ipotetico scarso valore attribuito a un titolo nella sua versione digitale che alimenta le diffuse lamentele legate al prezzo, bensì la consapevolezza che la propria libertà di leggere ovunque e comunque viene meno, oltre all’antipatica sensazione di essere presi per i fondelli da un sistema che boicotta il lettore onesto senza fare un baffo a chi sceglie di mettere mano al lucchetto in questione. D’altro canto, a nessuno piace pagare per essere costretto a circolare con il suddetto guinzaglio, soprattutto quando questo guinzaglio sembra avere sempre la stessa misura (qui il comunicato stampa ufficiale).

————————————

* Per inciso, è possibile scaricare gratuitamente programmi per la lettura dell’ebook sul proprio computer, ma questo non risolve le cose. Primo perché il computer manca della praticità di un ebook reader (che posso infilare in borsa e portare ovunque), secondo perché la retroilluminazione (che gli ebook reader non hanno) dopo un po’ affatica gli occhi, oltre ad abbreviare l’autonomia della batteria. Ulteriori punti deboli del libro digitale sono descritti qui.

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti