La guerra delle bandiere

 Posted by on 26 Maggio 2011  Add comments
Mag 262011
 

La Signora qua sopra si chiama Cristina Fantinati ed è consigliere comunale del PdL nel comune di Novellara, provincia di Reggio Emilia.

Cristina Fantinati ha presentato un esposto al sindaco Raul Davoli (PD), al comando della polizia municipale e al Prefetto, chiedendo di far rimuovere le bandiere dei movimenti per i referendum sull’acqua e il nucleare esposti alle finestre di case e balconi privati. Questo perchè, a suo avviso e citiamo testualmente, “si tratta di propaganda elettorale fuori dalle zone autorizzate“. La richiesta è stata presentata in base ad una norma del 1956 che vieta l’esposizione di propaganda elettorale fuori dagli spazi previsti.

La polizia municipale, per evitare di essere denunciata per omissione di atti d’ufficio, si è mossa e ha fatto rimuovere le bandiere senza peraltro applicare la sanzione pecuniaria prevista dalla normativa pari a 1.000 euro.

Il sindaco Raul Davoli dopo alcuni giorni di titubanza, forte di una sentenza della Corte Costituzionale del 1995, ha dato disposizioni alla Polizia Municipale di “non perseguire i cittadini oltre il dovuto e a graduare le forze e gli interventi per garantire in primis la sicurezza dei cittadini ed i servizi istituzionali”.

La strumentalizzazione politica da parte di una rappresentante di un partito che, a detta del suo fondatore, si definisce liberale si commenta da sè.

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti