Mag 302011
 

“I ministeri decentrati ci sono in tutta Europa, Inghilterra, Francia. Perchè non ci devono essere anche qui?”

Queste le parole di Umberto Bossi rilasciate a La Padania del 25 maggio, a proposito della richiesta leghista di trasferimento a Milano di alcuni dicasteri.

Verifichiamo allora dove si trovano i ministeri in Francia:

Ministero degli Affari esteri, Quai d’Orsay 37, Parigi.
Ministero della Difesa
, Rue Saint-Dominique 14, Parigi.
Ministero dell’Ecologia, Sviluppo sost. e Trasporti, Boulevard Saint-Germain, Parigi
Ministero della Giustizia, Hôtel de Bourvallais, Place Vendôme, Parigi.
Ministero dell’Interno e dell’Immigrazione, Hôtel de Beauvau, Place Beauvau, Parigi.
Ministero dell’Economia, Finanze e Industria, Rue de Bercy 139, Parigi.
Ministero della Salute e del Lavoro, Rue de Grenelle 127, Parigi.
Ministero dell’Istruzione e della Gioventù, Rue de Grenelle 110, Parigi.
Ministero dei Conti pubblici e della Funziona pubblica, Rue de Bercy 139, Parigi.
Ministero dell’Istruzione superiore e della Ricerca, Rue Descartes 1, Parigi.
Ministero dell’Agricoltura e dell’Alimentazione, Rue de Varenne 78, Parigi.
Ministero della Cultura e della Comunicazione, Rue de Valois 3, Parigi.
Ministero delle Solidarietà e della Coesione sociale, Hôtel de Castries, Parigi.
Ministero della Città, Rue Saint-Dominique 35, Parigi.
Ministero dello Sport, Avenue de France 95, Parigi.
Rapporti con il Parlamento, Rue de Varenne 69, Parigi.

 

E adesso passiamo a quelli del Regno Unito:

Dipartimento Affari e Innovazione, Victoria Street 1, Londra.
Dipartimento Comunità ed Enti locali, Eland House, Bressenden Place, Londra.
Dipartimento Cultura, Media e Sport, Coskspur Street 2-4, Londra.
Dipartimento dell’Educazione, Sanctuary Buildings, Great Smith Street, Londra.
Dipartimento Energia e Cambiamento climatico, Whitehall Place 3, Londra.
Dipartimento Ambiente, Alimentazione e Agr. Nobel House, Smith Square, Londra.
Dipartimento per lo Sviluppo internazionale, Palace Street 1, Londra.
Dipartimento dei Trasporti, Marsham Street 76, Londra.
Dipartimento del Lavoro e della Previdenza, John Adam Street 1-11, Londra.
Dipartimento della Salute, Richmond House, Whitehall 79, Londra.
Dipartimento Garanzia dei crediti all’esp.,Harbour Exchange Square, Londra.
Ufficio Esteri e Commonwealth, King Charles Street, Londra.
Ufficio Pari opportunità, Eland Hous, e Bressenden Place, Londra.
“Her Majesty’s Treasury”
(Tesoro), Horse Guards Road 1, Londra.
Home Office” (Interni), Marsham Street, Londra.
Ministro della Difesa, Whitehall, Londra.
Ministro della Giustizia, Petty France 102, Londra.
Ufficio Irlanda del Nord, Millbank 11, Londra.
Ufficio dell’Avvocato generale per la Scozia, Dover House, Whitehall, Londra.
Ufficio Scozia, Whitehall, Londra.
Ufficio Galles, Whitehall, Londra

  2 Responses to “La Padania, la Francia e l’Inghilterra”

  1. Vivo in Gran Bretagna, sono mezzo inglese mezzo italiano, Lavoro in Gb da molti anni. Ho pubblicato di recente una ricerca a livello accademico, riguardo il decentramento dei ministero qua in GB, e so che diverse copie sono gia arrivate sul tavolo di alcuni politici italiani interessati. Sono anche in procinto di finire un libro, che tratta questo argomento, dove analizzo diversi paesi che hanno attuato questo. Aggiungo che cio’ che avete scritto e’ totalmente falso e posso verificarlo con dati reali e ufficiali. L’85% dei dipendenti pubblici in GB e’ fuori Londra. Vi sono diverse citta’ che ospitano intere pezzi di ministeri, Newcastle welfare, York agricoltura, Sheffield educazione. A Londra sono rimaste solo delle semplici rappresentanze, piccoli uffici, in sintesi il ministro e qualche segretaria. Voi qua avete elencato solo gli uffici di rappresentanza. Sul caso francese il decentramento e’ gia in fase attuativa e hanno commisionato un esperto Inglese come consulente. Sono disponibile a darvi qualsiasi informazione sull’ argomento. Ma cio che avete scritto non corrisponde alla verita’ ufficiale. Grazie

  2. Grazie per la precisazione.Però gradiremmo avere qualche link o qualche fonte ufficiale che avvolori la Sua tesi o, al limite, il nome dell’organo scientifico sul quale è stato pubblicato il suo lavoro accademico.

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti