Giu 132011
 

«Con Bossi e Tremonti siamo d’accordo: il governo varerà la legge delega sulla riforma del fisco prima dell’estate». Queste le parole con le quali il presidente del consiglio ha annunciato – per l’ennesima volta – la riduzione della pressione fiscale e la riforma del fisco.

Dubitiamo fortemente che queste parole siano seguite dai fatti visto che, in passato, Berlusconi ha promesso tutto e il contrario di tutto.

3 aprile 2004

«Ho la speranza di arrivare al 23% e 33% [aliquote irpef, nda] entro la fine della legislatura. Se non ci riusciamo e’ inutile stare qui a dannarmi la vita. Ho stipulato un contratto con gli italiani, qui c’e’ un uomo che per la prima volta nella storia di questo Paese ha intenzione di mantenere gli impegni presi con gli elettori. Se non ci riusciro’ non mi ricandido»

3 agosto 2004

«Abbasseremo le tasse con la  Finanziaria e non per decreto»

2 gennaio 2008

«Questo governo, ostaggio delle forze che si richiamano al marxismo, ha trovato sessantasette modi per mettere le mani nelle tasche degli italiani con nuove imposizioni fiscali. La prima misura che prenderei, se dovessi tornare al governo [ c’è tornato, nda] sarebbe quella di alleggerire la pressione fiscale»

13 gennaio 2011

«Visto che stiamo entrando nella campagna elettorale non vogliamo fare promesse che non si possono mantenere. L’attuale crisi economica non permette di ridurre le tasse. Oggi non c’e’ nessuna possibilità di tagliare le imposte. Sento solo illazioni in giro»

4 maggio 2011

«Non è possibile ridurre la pressione fiscale, per nessun Paese europeo in un momento in cui la crisi globale non è ancora del tutto alle spalle»

  2 Responses to “L’ennesima promessa fiscale”

  1. […] [FONTE: Consulta l'articolo originale] Filed Under  Dell, presidente del consiglio, volta […]

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti