Ago 022011
 

«L’Italia non ha agito per proteggere le minoranze dalla discriminazione». Lo ha ha dichiarato Nicola Duckworth direttrice del Programma Europa e Asia Centrale di Amnesty International, all’indomani del voto con con il quale – martedì 26 luglio – il parlamento ha respinto un disegno di legge sui crimini omofobici e transfobici.

«Il parlamento italiano ha perso un’occasione per compiere un passo nella giusta direzione […] Il numero di attacchi omofobici e transfobici denunciati negli ultimi anni ci preoccupa. ]…] I crimini dell’odio hanno un impatto profondo non solo sulla vittima diretta, ma anche sul gruppo con cui la vittima si identifica», ha commentato la  Duckworth.

Amnesty International, inoltre, sollecita l’Italia a garantire una adeguata attuazione della legislazione anti-discriminazione vigente e ad assicurare che le leggi sui crimini dell’odio non trascurino alcun gruppo di persone.

«Oltre ad approvare buone leggi, le autorità e i politici dovrebbero dare il buon esempio. Dovrebbero promuovere l’eguaglianza e la non discriminazione ed evitare e condannare espressioni dispregiative e discriminatorie che alimentano il clima d’intolleranza. Le autorità italiane dovrebbero valorizzare la diversità e avviare iniziative di sensibilizzazione per contrastare gli stereotipi negativi nei confronti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender così come di ogni altro gruppo che rischia di subire attacchi discriminatori», ha concluso la direttrice Nicola Duckworth.

  One Response to “Omofobia: critiche di Amnesty all’Italia”

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti