Nov 102011
 

Martedi negli Stati Uniti si sono tenuti dei referendum e votazioni in cinque stati. (Per consuetudine, negli USA, tutte le tornate elettorali si tengono  il martedi successivo al primo lunedi di novembre).

Nel complesso i risultati sono stati favorevoli ai democratici che vedono in questo voto un segnale incoraggiante in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno. I risultati più importanti sono quelli relativi a due referendum che si sono tenuti in Ohio e in Mississippi, dove sono state respinte due leggi fortemente volute dai repubblicani.

In Ohio gli elettori hanno rigettato la legge introdotta in primavera dal governatore repubblicano John Kasich, che limitava la contrattazione collettiva di lavoro. In Mississippi è stata invece respinta la norma che rendeva illegale l’aborto e molte forme di contraccezione sulla base del principio di difesa di ogni persona fin dal concepimento, compreso quello in vitro.  Nello stesso stato è stata però approvata una norma che obbliga gli elettori a presentarsi al seggio muniti di un documento d’identità con foto. I democratici si erano detti contrari adducendo il fatto che simile norma avrebbe potuto intimidire o disincentivare la partecipazione dei ceti più bassi.

I democratici hanno conquistato la maggioranza anche nel Senato della Virginia, dello Iowa e dell’Arizona. Nessuna sopresa invece per l’elezione dei primi cittadini di Philadelphia (dem), Baltimora (dem), Phoenix (dem) e Indianapolis (rep) dove sono stati riconfermati i sindaci uscenti.

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti