Il volo dei Conchords

 Posted by on 12 febbraio 2012  Add comments
Feb 122012
 

The Flight of the Conchords è una sit-com americana durata appena due stagioni, scritta e interpretata da un duo cominco neozelandese, Brett McKenzie e Jemaine Clement, con il supporto di James Bobin. In Italia è stata trasmessa l’anno scorso da Mtv, in doppia versione, lingua originale sottotitolata e versione doppiata (inguardabile). Negli Stati Uniti la serie ha avuto un enorme successo; in Italia, per chi l’ha conosciuta, è diventata un piccolo cult. Purtroppo al termine della seconda stagione, lo stesso duo comico ha preferito chiudere la serie diventata ormai troppo impegnativa da scrivere.

Brett e Jemaine sono un duo musicale neozelandese, i Flight of the Conchords, emigrati a New York con il sogno di sfondare nel mondo della musica. Volutamente il titolo della serie, e del gruppo, fa riferimento al Concorde, potente e costosissimo aereo anglofrancese che avrebbe dovuto rivoluzionare il mondo dei trasporti e che invece si rilevò un clamoroso buco nell’acqua, con mille guasti, mille problemi, fino all’incidente del 2000 che decretò il totale abbandono del progetto.

La carriera di Brett e Jemaine è più o meno la stessa; un grande potenziale, con mille problemi, destinato a fallire. Qualche ragazza, ma un’unica vera fan, Mel, col sogno nel cassetto, poco celato anche allo stesso marito, di diventare la groupie preferita dei propri begnamini.

Il termine “problemi” viene qui utilizzato eufemisticamente, con variazioni di significato sterminate. Brett e Jemaine sono letteralmente due persone “fuori dal mondo”, inconsapevoli di come funziona la vita e soprattutto l’America, due “pesci fuor d’acqua”, la maggior parte delle volte dall’aria completamente stupida. I personaggi giocano molto sull’ironia del loro stesso paese d’origine, la Nuova Zelanda, rappresentata come una nazione di pastori e agricoltori, di sempliciotti, completamente sconosciuta al resto del mondo, soprattutto all’America, e improvvisamente diventata famosa con la realizzazione di Il signore degli anelli. A seguito della trilogia tolkeniana, il governo neozelandese vara dunque una sorta di campagna marketing mondiale portata avanti dalle varie sedi dei consolati per poter finalmente affrontare, e forse, per una volta, sovrastare, i cugini australiani, gonzi “pompatissimi” surfisti bellocci.

Uno dei promotori di questa campagna marketing è Murray, amico e agente dei Flight of the Conchords, impiegato al consolato newyorkese, il quale però puntualmente non riesce ad ottenere un ingaggio decente per la propria band, in quanto incapace di adattarsi alla logica statunitense.

Il successo arriverà, inevitabilmente causerà problemi, ma sarà fulmineo, dovuto ad una canzone trash che si svelerà inconsapevolmente plagiata.

Il confronto fra la cultura neozelandese e quella americana, entrambe stereotipate, è sostanzialmente al centro di ogni singola puntata, riassunta puntualmente nella canzone che contraddistingue ogni singolo episodio, costantemente appartenente ad un genere musicale diverso, vero momento cultuale dell’intera serie.

Sei talmente bella..
come un albero
o magari una escort
potresti fare la modella part time
Ma probabilmente dovresti tenere anche l’altro lavoro
e passare un pò di tempo a fare la modella
e un pò di tempo ..
accanto a me!!

(The most beautiful girl in the room – Flight of the Conchords)

 Leave a Reply

 

Vai alla barra degli strumenti