Ago 102012
 

Recentemente la Commissione affari sociali di Montecitorio ha approvato il Testo unico, presentato dal deputato Carlo Ciccioli del Pdl e da altri, sulla riforma del TSO (trattamento sanitario obbligatorio), che diventa ora TSN (trattamento sanitario necessario). sul discutibile testo, vedi, in LucidaMente, Tornano i vecchi manicomi lager ? e Petizione popolare contro il ritorno dei vecchi manicomi, ndr].

Secondo molti medici, le “malattie psichiatriche” non sono scientificamente dimostrate. In effetti, la depressione non è una malattia dello stesso tipo della malaria: quest’ultima è verificabile tramite strumenti di laboratorio oggettivi. Se ne conoscono i sintomi e le cause. Non è un’opinione.

Le malattie psichiatriche invece sono un insieme di comportamenti umani classificati come patologici nei cataloghi psichiatrici: Dsm (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) e Icd (Classificazione internazionale delle malattie). Variano a seconda dei costumi, delle epoche, degli interessi economici e personali. Non se ne conoscono ancora con certezza le cause.

Le cure per risolvere la “malattia” sono dubbie. Gli studi per commercializzarle sono condotti da ricercatori pagati dalle stesse industrie farmaceutiche produttrici e, come apprendiamo dai giornali, a volte sono stati manipolati in modo da ottenerne l’approvazione. Di sicuro hanno pericolosi effetti collaterali, come apprendiamo dal bugiardino allegato.
La psichiatria ha alle sue spalle una lunga storia d’abusi, di cure strampalate e fallimentari, spesso d’orrore. In molte persone che ho incontrato, i trattamenti non hanno portato alla guarigione, bensì alla paura, all’apatia, alla cronicità.

Il “paziente”, essendo privato della libertà, potrebbe subire, contro la sua volontà, trattamenti violenti come l’elettroshock. Ci si può fidare di queste persone e di queste terapie, fino al punto di rinunciare alle proprie libertà?
Nel secolo scorso squadre di facinorosi, convinti d’avere una cura infallibile, hanno gettato l’Italia nel caos. Similmente, oltralpe, un signore, nonostante o forse a causa delle cure psichiatriche cui fu soggetto per quasi tutta la sua vita, distrusse la Germania e causò orrori indicibili.

Dal dibattito seguito all’approvazione del Testo unico sono emerse altre soluzioni e metodi, che possono ottenere gli stessi risultati, cioè la cura della persona, l’alleggerimento delle famiglie, il contenimento della pericolosità sociale, senza ricorrere a uno strumento così pericoloso come la riduzione del potere di scelta.

Squadrismo terapeutico” di Carlo Cantalupi  (LucidaMente, anno VII, n. 80, agosto 2012)

  One Response to “Malattia psichiatrica e potere di scelta”

  1. vi riporto una esperienza: tre ragazzi affetti da malattia mentale vengono inseriti in un gruppo di coetanei, così detti normali, per dieci gioni partecipando a tutte le attività che erano state organizzate.
    Il risultato?
    Da osservatori esterni si potè affermare che si erano annullate le diffferenze.
    Questo dimostra che se non si è ancora riusciti a dare una guarigione clinica è possibile dare una guarigione sociale.
    Certamente la riforma della legge 180 non va in questa direzione, ma è anche vero che la stessa è monca dal punto di vista dell’informazione che si dovrebbe dare alla patologia partendo dalle scuole, che come dicevo prima, potremmo cercare di dare una guarigione sociale.

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti