La stampa e Grillo

 Posted by on 11 Marzo 2013  Add comments
Mar 112013
 

Lynotype 1932

A far vincere Grillo è stato il giornalismo italiano. Ammettiamolo noi tutti e lo riconosca anche lui. “The comedian”, come l’ha apostrofato il Times ha sbaragliato tutti grazie a una duplice dinamica. Da un lato un sistema informativo appiattito su Berlusconi e le sue sparate elettorali (vedi il distillato quotidiano di dichiarazioni sull’Imu e la richiesta affannosa di commenti sul punto ai vari ospiti politici), dall’altro la tiritera propinata da Grillo ai suoi seguaci – molto simile al tormentone del Cavaliere sulla magistratura – secondo cui tutti i giornalisti mentono. Risultato: i primi – i giornalisti – si sono limitati a inseguire le sparate di Berlusconi, i secondi – i grillini – hanno continuato a informarsi dal blog del loro leader, senza venir neppure sfiorati da notizie di inchieste (e non mi riferisco all’aria fritta che riportava le sparate vaffanculesche del grillo), legate a società o presunti giri poco chiari. Non si discuteva nel merito nemmeno il programma del MoVimento 5Stelle: Grillo attaccava tutto e tutti e l’informazione si trastullava a commentare indignata le sparate del “Comedian” o di Berlusconi, relegando il comico a un evento di colore.

Invece di inchiodare i politici e i comici al loro futuro, il giornalismo italiano ha passato il tempo a inseguire le dichiarazioni, chiedere commenti, impressioni e smerciare sondaggi basati sul poco o nulla. Dall’altra parte, proprio chi taccia i media di complottismo ha saputo usarli alla perfezione: Grillo non ha avuto bisogno di andare in televisione a traballare sulle proposte inapplicabili contenute nel suo programma cui l’avrebbero inchiodato. Gli è bastato riempire le piazze, lanciare comunicati dal blog. Sapeva benissimo che i media avrebbero comunque parlato di lui. Ma non del programma bensì dei suoi attacchi vaffanculeschi – “siete circondati!” – che facevano notizia distogliendo l’attenzione dai numeri e dalle cifre di quanto propone di fare una volta al governo (sempre che voglia davvero andarci, l’impressione al momento è ben altra).

Ballarò, nella sua ultima puntata ha dimostrato come sia impraticabile il programma proposto dal comico. Ieri l’inchiesta dell’Espresso (che in realtà si era già occupato del Grillo) che sarà oggi in edicola e tratta del resort di Beppe Grillo. Il video della tenuta, ad esempio, era on line su Youtube da quattro anni. La domanda è: era così necessario inseguire le sparate berlusconiane per tutta la durata della campagna elettorale? Non si poteva andare a indagare la storia e i programmi dei candidati – nessuno escluso -, ignorando Imu e panzane varie?

Per tacer di Giannino: non fosse stato per Zingales, nessuno si sarebbe mai accorto dei suoi titoli di studio inesistenti. Si pensava all’Imu.

(fonte: Diritto di Critica)

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti