mag 152013
 

Keep Calm and Give Us 8x100000

Tempo di dichiarazione dei redditi e tempo della destinazione dell’ 8×1000. Qualche dato, allora, relativo alla Chiesa Cattolica:

  • 1 miliardo e 148 milioni sono gli euro usciti dalle casse dello Stato Italiano che il meccanismo dell’8×1000 ha assegnato per il 2012 alla Chiesa Cattolica.
  • 50 milioni sono gli euro (appartenenti a quell’ampio miliardo citato al punto precedente) che la Chiesa Cattolica ha accantonato nel 2012. Si chiamano proprio così: quote accantonate. Ossia 50 milioni che sono stati messi da parte a futura destinazione. In tempi di crisi, lo Stato elargisce alla Chiesa Cattolica quindi talmente tanti soldi che la Chiesa Cattolica stessa non li spende per esigenze attuali.
  • 22 % è la percentuale destinata a interventi caritativi (11% alle diocesi per la carità, 7% interventi carità Terzo Mondo, 4% esigenze rilievo nazionale). Ossia 255 milioni su un totale di 1148 milioni.
  • 5 miliardi 300 milioni sono gli euro usciti dalle casse dello Stato Italiano che il meccanismo dell’8×1000 ha assegnato per gli anni dal 2008 al 2012 alla Chiesa Cattolica: in pratica oltre 1 miliardo di euro per anno. Se si pensa che la legislatura appena trascorsa (2008-2013) è costata ai cittadini  circa 501 milioni (finanziamento pubblico ai partiti comuffato da rimborsi elettorali, in pratica 100 milioni per anno; i dati qua) si capisce quanto sia ipocrita parlare di taglio dei finanziamenti pubblici, ignorando quello alle confessioni religiose tramite l’8×1000. Soprattutto viste le destinazioni usate.
  • 42 % è la percentuale media di italiani che dal 1990 hanno firmato e quindi destinato il loro 8×1000 ( i dati qua).
  • 58 % è la percentuale media di italiani che evidentemente non hanno firmato e scelto a chi destinare il loro 8×1000.
  • 100 % è la percentuale di quote degli italiani che il meccanismo assegna ogni anno. Ossia tutto viene destinato, anche le quote degli italiani che non firmano e scelgono; in che modo? Qua un video che spiega come.
  • Zero sono le vie d’uscita e di fuga per gli italiani che non vogliono firmare per nessuno.

 Lascia un commento

Connect with Facebook