Set 092013
 

Cuore, 8 aprile 1991

Renato Schifani:

«Abbiamo dato una risposta pronta e celere a tutti i cittadini che vogliono dal Parlamento un’azione di contrasto ferreo del potere legislativo a questo male terribile».

Angelino Alfano:

«Nasce da una nostra proposta che aveva come prima firma quella del sottoscritto».

Alfredo Mantovano:

«Va messo da parte chi ha subito condanne per fatti gravi o avuto una condotta non esemplare».

Queste dichiarazioni risalgono alla fine del 2012 quando il governo Monti – sostenuto da PD e PdL – volle la cosiddetta “Severino”. Una legge con un messaggio chiaro: niente più pregiudicati in parlamento. Pregiudicati indiscutibilmente condannati in via definitiva e per determinati reati a più di due anni.

Questi signori, adesso, sostengono il pregiudicato – che è a capo del loro partito – nel ricorso che quest’ultimo ha presentato alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Perchè secondo loro questa legge – che hanno voluto e votato – viola l’art.7 della convenzione europea.

Si, hanno la faccia come il culo.

  One Response to “Lo ribadiamo: hanno la faccia come il culo”

 Leave a Reply

 

Vai alla barra degli strumenti