Ott 282013
 

keepmum

Adesso – lo rivela The Guardian – sappiamo che l’NSA (National Security Agency) avrebbe spiato le comunicazioni telefoniche di almeno 35 leader politici e militari del mondo. Francia e Germania in testa , ma anche l’Italia, hanno fatto partire il coro delle proteste. Proteste giuste e lecite, per carità.

Vogliamo ricordare però tutte quelle volte che ci siamo sentiti dire che la sorveglianza sulle comunicazioni (come il tracciamento delle transazioni finanziarie e la raccolta sistematica di dati sensibili ) fossero azioni necessarie per combattere il terrorismo e la criminalità internazionale ad esso collegata.

E ricordiamo anche ciò che veniva risposto a chi chiedeva il rispetto del fondamentale diritto alla privacy e alla libertà individuale: “teme la sorveglianza solo chi ha qualcosa di poco lecito da nascondere”. Un mantra internazionale fatto all’epoca e abbracciato anche da chi adesso mostra indignazione.

Ma se non avete nulla di poco lecito da nascondere, perchè adesso v’indignate?

 Leave a Reply

 

Vai alla barra degli strumenti