Milano: nojo volevam savuar

 Posted by on 31 Dicembre 2009  Add comments
Dic 312009
 

La proposta di Letizia Moratti di intitolare una via, una piazza o un giardino a Bettino Craxi, potrebbe essere l’occasione per rivedere in senso compassionevole e riconciliativo la  toponomastica di intere zone di quella che un tempo fu la capitale morale d’Italia. Una richiesta di informazioni stradali, rivolta ad un solerte ghisa meneghino, potrebbe dar luogo a un simile dialogo:

” Mi scusi.  Dovrei andare in Piazza Craxi, sa darmi indicazioni? “

” Certo. Dunque lei prende per Via Mario Chiesa (( Socialista presidente del Pio Albergo Trivulzio, condannato in via definitiva per concussione e finanziamento illecito a 5 anni e 7 mesi; attualmente inquisito per tangenti nel traffico illecito di rifiuti)). Svolta alla  seconda a destra in Via Compagno G (( Primo Greganti, condannato in via definitiva a 3 anni per finanziamento illecito al PCI-PDS)). Dopo 200 metri imbocca la terza a sinistra e si trova in Piazza Martiri di Tangentoli (( Una piazza con questo nome esiste realmente a Aulla-Ms, dove il sindaco Lucio Barani ha modificato il nome  della piazza comunale prima intitolata a Giacomo Matteotti)). Poi prosegue sempre dritto per via Walter Armanini (( Assessore al comune di Milano, condannato in via definitiva a 5 e 7 mesi per concussione e finanziamento illecito al PSI)). Prenda la prima a destra che è via Severino Citaristi (( Segretario amministrativo della DC,72 avvisi di garanzia, condannato in Cassazione a 16 anni di reclusione e a 8 miliardi di ammenda)) e dopo 100 metri si trova in Piazza Bettino Craxi (( Deceduto latitante ad Hammamet in Tunisia. Condannato in via definitiva a 5 anni e 6 mesi per corruzione nel processo ENI e a 4 anni e 6 mesi per finanziamento illecito da tangenti ottenute per la metropolitana milanese)).

Le zone? Ma Porta Romana o Porta Cicca, no? Così riportiamo all’antico splendore le zone predilette dalla mala della Milano che fu.

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti