Mar 252010
 

Le iniziative radicali, si sa, hanno sempre suscitato reazioni contrapposte nella classe politica e nel comune cittadino. E questo al di là del valore della battaglie civili e laiche da loro portate avanti. Ma c’è una caratteristica dei radicali sulla quale, credo, tutti siano d’accordo; ovvero il loro caparbio impegno nel portare avanti l’iniziativa intrapresa.

Una di queste – passata quasi del tutto inosservata, ma dal grande valore civico – ha visto l’impegno di Rita Bernardini, deputato radicale eletta nelle liste del PD. La Bernardini si è battuta per mesi – qua la cronologia – per ottenere i dati sulle collaborazioni e le consulenze della Camera dei deputati e l’elenco delle ditte con le quali sono in corso contratti di lavori, forniture e servizi. Ed alla fine è riuscita ad ottenere ciò che in altre realtà – ad esempio la Presidenza USA, la London Autority, la città San Francisco – è l’assoluta trasparente normalità.

Ecco dunque che la lista completa, aggiornata al 1° gennaio 2010, è stata resa “open” e messa online. L’immagine che riportiamo sotto (clicca sopra per ingrandirla) riassume le spese per settore. Qua invece si possono consultare le singole voci di spesa con il relativo impegno finanziario ed i fornitori. Scorrere la lunga lista con i relativi oneri finanziari, può essere utile esercizio per comprendere i costi della politica italiana.

 Leave a Reply

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti