gen 052013
 

 

 

“Né destra, né sinistra. Né PdL, né PD. Né con le estreme di sinistra (Fassina), né con quelle di destra (Brunetta)”.

È questo, in buona sostanza, il messaggio politico di Mario Monti. Un messaggio che odora di vecchia DC, quella del “al centro contro gli opposti estremismi“. Quella DC dorotea conservatrice  e anticomunista e con l’occhio ben attento e l’animo ben disposto alle ragioni della gerarchie ecclesiastiche e del mondo industriale.

È la ricetta scelbiana – filtrata da Casini, Montezemolo,Fini – quello che Monti ha abbracciato e che propone con stucchevole alterigia tanto che, nella sua Agenda, non si spende una sola parola sui diritti civili: regolarizzazione delle coppie di fatto e omosessuali, testamento biologico, fecondazione assistita.

Ricordiamo, al supponente professore, che  sono passati sessant’anni da quella DC e più di ventanni dal crollo dell’URSS.

 Lascia un commento

Connect with Facebook