Un grande spettacolo

 Posted by on 7 giugno 2013  Add comments
Giu 072013
 

UK 1920: Clowns

Riepiloghiamo. Enrico Letta, zitto zitto, adesso parla di durare fino al 2018 e per quello che doveva essere un governo di salvezza nazionale – scelta eccezionale a dir loro – sarebbe un risultato incredibile.

L’assoluta priorità di una nuova legge elettorale si è diluita nel fancazzismo presidenzialista e intanto si nomina Commissione per le riforme costituzionali. Una Commissione – un’altra – per fornire indicazioni e consigli e i cui componenti sono stati scelti democristianamente col manuale Cencelli, giusto per non scontentare nessuno. Del resto, si sa, in Italia i problemi non si risolvono affrontandoli, ma formando una Commissione di saggi. Oddio, saggi è forse un termine inappropriato leggendo i nomi di alcuni componenti.

Nel frattempo il disegno di legge sull’abolizione del finanziamento pubblico, tanto sbandierato da Letta, risulta essere – per come è formulato-  una presa per i fondelli. L’ennesima. Di una seria e dirimente legge sul conflitto d’interessi non se ne parla più, se no Berlusconi stacca la spina. Mentre il Movimento 5 Stelle si balocca fra mal di pancia, scontrini, presidenze di commissioni, insulti ai giornalisti prezzolati e sostituzione dei portavoce parlamentari.

Su tutto aleggia un rieletto Presidente della Repubblica sempre più impegnato a dirigere i tempi e i modi della politica.

Si, proprio un grande spettacolo.

  2 Responses to “Un grande spettacolo”

 Leave a Reply

 

Vai alla barra degli strumenti